FANDOM


Beatrice perini

Beatrice Perini


Beatrice Perini ([Venezia], 16 novembre 1958) è una artista italiana.

Beatrice Perini è un'artigiana veneziana, famosa nel suo campo, conosciuta per le sue numerose opere, ovvero creazioni di bambole d'artista, create e lavorate a mano, dallo stadio in cui si deve eseguire un abbozzo in argilla, fino alla cottura in forno della porcellana, e la seguente rifinitura pittorica e vestiaria.

Biografia Modifica

Nata a Venezia nel 1958, si è diplomata dapprima alla Scuola d’Arte, poi all’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove ha frequentato la facoltà di Pittura sotto la guida del Maestro Emilio Vedova. Ha quindi insegnato materie artistiche presso scuole medie e superiori ed ha poi aperto un piccolo negozio, sempre a Venezia, nel quale produceva incisioni, disegni, ceramiche e maschere della Commedia dell’Arte in cartapesta.

Nel 1984 ha scoperto il mondo delle bambole; i primi modelli, che produceva nel suo negozio/laboratorio chiamato "Bambolandia", erano in ceramica. Nello stesso periodo inizia lo studio e il difficile lavoro di ricerca e di restauro di esemplari antichi originali.

A partire dal 1986 ha frequentato numerosi corsi di perfezionamento all’estero, e in particolare in Inghilterra e negli [[Stati Uniti]; questi corsi servivano ad affinare le tecniche impiegate per la creazione e la dipintura delle bambole in porcellana. I primi riconoscimenti arrivarono proprio in quel periodo.

Nel 1988 è stata infatti accolta nella "Global Doll Society", la prestigiosa ed esclusiva società internazionale che raggruppa artisti del settore e che garantisce l’operato e la serietà degli affiliati.

Ha poi partecipato ai principali concorsi internazionali, conquistando già dalla prima competizione, nel 1989 a Londra, un primo e un terzo posto con riproduzioni di bambole antiche da lei stessa fabbricate. Nel 1991 a Stavanger, Norvegia, unica rappresentante italiana su oltre 500 partecipanti provenienti da tutto il mondo, ha conquistato ben tre riconoscimenti:

2 primi e un terzo posto. Nel Marzo 1992 si classifica ai primi posti anche a Brighton, Inghilterra. Nel Settembre 1992 arriva il premio per lei più prestigioso; vince la prima edizione della "Mathias Wanke Cup".

Tra le iniziative di quel periodo vi è l’organizzazione di una serie di brevi seminari organizzati nel suo laboratorio, per mezzo dei quali i partecipanti potevano apprendere i segreti e le tecniche per riprodurre una bambola antica in porcellana.

Dal 1992 ai giorni nostri Beatrice ha prodotto un numero considerevole di bambole d’artista, sia pezzi unici che in edizione limitata, usando come materiale principale il biscuit ma senza dimenticare la composizione, la cera e altre materie quali il cernit e il fimo. Dal 1996 partecipa con uno stand proprio alla "Fiera Internazionale del Giocattolo" che ogni anno si tiene a Norimberga; all’IDEX, "International Doll Expo", che racchiude il meglio dei creatori di bambole e che ogni anno viene tenuta in una città differente degli USA; alla New York Toy Fair, che, assieme alla Fiera di Norimberga, si contende la palma di migliore fiera del giocattolo esistente.

Dal 1996 le bambole di Beatrice sono visibili anche attraverso il sito "Bambolandia", sito che offre una completa visione del lavoro recente e futuro. Parecchie riviste e quotidiani in questi anni hanno voluto descrivere il lavoro di Beatrice, specialmente negli Stati Uniti.

NoteModifica

Notizie biografiche e artistiche

Collegamenti esterni Modifica



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.