FANDOM


File:Davide Coltro.jpg

Davide Coltro (Verona, 1967) è un pittore italiano.

BiografiaModifica

Entra in contatto con il mondo dell’arte in giovane età grazie al padre che, per diletto, organizza mostre di pittori locali. Nel 1988 conclude gli studi presso l’Istituto Tecnico della sua città. In seguito decide di seguire, a metà degli anni 90, la sua vocazione per l’arte. Per la sua ricerca viene invitato dalla critica a mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero. Partecipa alla XIV Quadriennale di Roma[1] nel 2004, alla mostra Collezione Farnesina Experimenta[2] nel 2008 e, nel 2011, è invitato alla 54ª Biennale Internazionale d’Arte di Venezia[3]. Espone inoltre al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, all’ETAGI di San Pietroburgo e al Museum of Modern Art di Mosca. Entra a fare parte di collezioni museali quali Palazzo Forti, la collezione VAF Stiftung e il MART di Rovereto. Davide Coltro vive e lavora a Milano.

Percorso artisticoModifica

Dopo un breve periodo in cui sperimenta la pittura astratta con materiali sintetici, a partire dal 2000 scopre le potenzialità del mondo digitale iniziando un percorso nella “pittura oltre la materia”, che lo vedrà affrontare i generi classici della figura, del ritratto, del paesaggio e della natura morta attraverso una visione contemporanea[4]. Dal 2001 inizia a riflettere sulla componente relazionale dell’arte e nasce una performance, intitolata Censimento dei viventi[5], che raccoglie, in un archivio potenzialmente infinito, inediti ritratti realizzati attraverso l’utilizzo di un fotocopiatore. Dal 2002 realizza Misteri[6], lavori in cui persone anonime colte negli scenari metropolitani, vengono ritratte di spalle e isolate in uno sfondo nero. Dal 2004 sviluppa il ciclo dei Paesaggi (Medium Color Landscapes)[7], in cui elabora la tecnica del colore medio, derivato dalla media matematica di tutti i toni di colore presenti all’interno dell’immagine. Seguono, nel 2009, Studi di figure e una particolare indagine sulla natura morta che è approdata, nel 2012, alla serie Nature morte continue dove le opere sono formalmente autonome, ma possono essere combinate tra loro per formare dei polittici. Dal 2009 intraprende un percorso di studi teologici presso l’ISSR della Pontificia Università della Santa Croce per alimentare la propria ricerca artistica tramite la riflessione sul rapporto dell’uomo con la fede e con i temi fondamentali dell’esistenza[8].

Quadro ElettronicoModifica

La ricerca artistica di Davide Coltro è rivolta all’utilizzo delle tecnologie di massa ma con inedite architetture che modificano i criteri di creazione, diffusione e fruizione dell’arte. Il frutto di questo studio è il Quadro Elettronico o System[9], un dispositivo in continuo sviluppo progettuale che l’artista elabora e costruisce. Il Quadro Elettronico ricorda l’oggetto tradizionale, il quadro, sul quale appaiono le immagini create digitalmente dall’artista. Al suo interno viene visualizzato un flusso di immagini che può essere alimentato dalla connessione dell’opera con lo studio digitale di Coltro; questa interazione è resa possibile dalle tecnologie di trasmissione dati, via internet e Wi-Fi[10].

THE ON GROUPModifica

Davide Coltro è il fondatore di THE ON GROUP[11], un gruppo di artisti che utilizzano la tecnologia per progettare, ideare e realizzare le loro opere d’arte. L’espressione ON, che rimanda al gesto di accensione, rappresenta il legame diretto con la realtà tecnologica e scientifica. THE ON GROUP nasce ufficialmente con una mostra inaugurata nella notte di capodanno 2011 quando, allo scoccare della mezzanotte, gli artisti del gruppo con un gesto simbolico hanno acceso simultaneamente tutte le opere[12].

Principali esposizioniModifica

Nel 2004 partecipa alla XIV Quadriennale di Roma con i suoi Quadri Elettronici e, nello stesso anno, è finalista al V Premio Cairo a La Permanente di Milano. Nel 2006 è invitato alla mostra internazionale di Pechino e Shanghai Natura e Metamorfosi nell’ambito delle attività del Ministero degli Esteri in Cina. Ancora nel 2006, i suoi Systems entrano nella collezione permanente a Palazzo Forti di Verona e nella collezione del gruppo bancario Unicredit. Nel 2008, su invito del Ministero degli Esteri italiano, partecipa alla mostra Collezione Farnesina Experimenta; è invitato al Premio Agenore Fabbri e, successivamente, entra nella collezione VAF Stiftung[13] di Francoforte. Espone a Mosca, al Museum of Modern Art[14], e inaugura la prima mostra personale a San Francisco presso la Galleria Mark Wolfe[15]. I suoi quadri elettronici vengono presentati nel 2009 allo ZKM di Karlsruhe (Germania) su invito del collezionista Volker Feierabend, la cui collezione è esposta al MART di Rovereto. Nel 2010 presenta la sua seconda personale a San Francisco e presso l’Istituto Italiano di Cultura della città. Nel 2011 è invitato a mostre collettive al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, il MART di Rovereto, Palazzo Forti di Verona e l’ETAGI di San Pietroburgo. Nello stesso anno è invitato alla 54ª Biennale Internazionale d’Arte di Venezia[16], presso il Padiglione Italia, con l’installazione Res_publica I[17]. Nel 2013 realizza per la Chiesa di San Raffaele a Milano l’opera CRUX per crucem ad lucem e crea la grande installazione INTER_MIRIFICA_2.0[18] presso la galleria Gagliardi Art System di Torino.

Acquisizioni musealiModifica

  • 2009 – MART – Museo di Arte Contemporanea di Trento e Rovereto – Italy
  • 2008 – VAF STIFTUNG – Frankfurt – Germany
  • 2006 – Palazzo Forti – collezione permanente – Verona – Italy
  • 2006 – Unicredit – collezione arte contemporanea – Italy
  • 2005 – Galleria Civica Ezio Mariani – Seregno – Italy
  • 2004 – MACIIsernia – Italy
  • 2002 – Collezione Panza di Biumo – Italy
  • 2001 – Young Museum – Mantova – Italy

BibliografiaModifica

  • Bookhouse. La forma del libro, MARCA, Catanzaro, edito da Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo (MI), 2013
  • Allgemeines Künstler Lexikon ("AKL"; K.G. Saur-Verlag, Redaktion Leipzig), nuova edizione del Thieme-Becker, 2013
  • La Collezione – Vaf Stiftung, Francoforte, edito da Silvana Editoriale, Cinisello Baslamo (Mi), 2012
  • Illuminazioni, 54ª Biennale di Venezia, edito da Marsilio Editori, Venezia, edizioni bilingue (italiano-inglese), 2011
  • L’arte non è cosa nostra, 54ª Biennale di Venezia, edito da Skira, edizione bilingue (italiano-inglese), 2011
  • Premio Maretti, Museo Pecci di Prato, edito da Maretti Editore, Falciano (RSM), 2010
  • L'invenzione del quadro elettronico, Parma edito da TPalazzo e MUP Editore, Parma, 2009
  • Noland-scape – la sparizione del paesaggio, edito da Fondazione Bandera per l’Arte, Busto Arsizio (Va), 2009
  • Experimenta, Collezione Farnesina, Ministero degli esteri, edito da Gangemi Editore, Roma, 2008
  • Premio Agenore Fabbri 2007, edito da Silvana Editoriale, Cinisello Baslamo (Mi), 2007
  • Un secolo e oltre II Premio Fabbri, edito da Mondadori Electa, Verona, 2007
  • La nuova figurazione Italiana, edito da Silvana Editoriale, Cinisello Baslamo (Mi), 2007
  • Natura e metamorfosi, testi di Marisa Vescovo, catalogo mostra presso Urban Planning Exhibition Center, Shanghai - Millenium Art Museum, Beijing, Damiani, Bologna, 2006
  • Meditazione sulla realtà, testi di Edward Lucie Smith, Comune di Mantova, 2006
  • Premio Cairo, Arte Mondadori, edito da Cairo Editori, Milano, 2004
  • XIV Quadriennale, Promotrice delle Belle Arti, Torino – edito da De Luca Editori D’Arte, Roma, 2007
  • Dizionario della Giovane Arte Italiana, Giancarlo Politi editore, Milano, 2003

Galleria fotografica Modifica

NoteModifica

  1. XIV Quadriennale di Roma
  2. Farnesina EXPERIMENTA - artisti italiani emergenti
  3. 54ª Biennale Internazionale d’Arte di Venezia - Padiglione Italia
  4. INSIDE ART – “Il buio oltre l’immagine” – Intervista a Davide Coltro – 2007
  5. ART LTD MAGAZINE – Davide Coltro: “Living Shrouds” at Mark Wolfe Contemporary Art – 2010
  6. UNDO.NET – Davide Coltro: “Misteri”
  7. EXIBART – Davide Coltro: Medium Color Landscapes – 2005
  8. INCROCINEWS - “Crux”, una meditazione per immagini sul nostro destino finale – Michele Dolz – 2013
  9. ESPOARTE - Davide Coltro: Crux, per crucem ad lucem - intervista di Alessandro Trabucco - 2013
  10. KQED ARTS – “Systems” – Intervista a Mark Wolfe - 2007
  11. THE ON GROUP - Official website
  12. La Repubblica – THE ON GROUP – 2011
  13. Collezione VAF
  14. 1st INTERNATIONAL BIENNALE FOR YOUNG ART – Mosca – 2008
  15. Davide Coltro: "Living Shrouds" – San Francisco – 2010
  16. ARTSLIFE – Davide Coltro alla 54ª Biennale di Venezia – 2011
  17. CORRIERE DELLA SERA – La foto del giorno – Res_publica I – 2011
  18. Davide Coltro: INTER_MIRIFICA_2.0 – Torino – 2013

Collegamenti esterniModifica

Fonti Modifica



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale