FANDOM


Sito denuclearizzato

Fai diventare il tuo sito un Sito Denuclearizzato.

Nuvola apps important
Molti dei contenuti presenti possono urtare la sensibilità di chi legge o del personaggio (mal)trattato.
I testi forniti, a puro fine di intrattenimento, mescolano realtà e fantasia in chiave ironica. it.burlesque.wikia.com può contenere materiale discutibile, offensivo per alcuni personaggi, nazioni, ideologie o religioni fino a debordare nella fallacia, nell'insulto più o meno gratuito e nella pornografia: leggi accuratamente le avvertenze.
Ci dichiariamo fonte NON affidabile per ricerche scolastiche, universitarie o di qualsiasi tipo
(ricordate, qui su Burlesque-Wikia siamo dei cialtroni e stiamo sempre scherzando, invochiamo il diritto alla satira)
Oscar Giannino at Confindustria Giovani 2011

Oscar Giannino al meeting di Confindustria Giovani



Oscar Fulvio Giannino (Torino, 1º settembre 1961) è un giornalista e politico italiano. Si occupa principalmente di politica ed economia. È candidato premier alle elezioni politiche italiane del 2013 per Fare per Fermare il Declino (FID), lista elettorale che esprime le idee del movimento d'opinione Fermare il Declino da lui fondato assieme ad altri economisti ed intellettuali nell'estate del 2012.

BiografiaModifica

Attività politicaModifica

Oscar Giannino inizia l'attività politica nel Partito Repubblicano Italiano (PRI), nel quale diventa segretario nazionale della Federazione Giovanile Repubblicana (1984-1987) e, in seguito, membro della direzione nazionale (1987-1994) e portavoce del partito durante la segreteria di Giorgio La Malfa.

Inizia la carriera giornalistica presso il quotidiano del partito, La Voce Repubblicana nel 1988, diventando successivamente capo ufficio stampa del PRI. Abbandona il partito nel 1995 per aderire ad Alleanza Democratica. Nel 2006 firma il manifesto del movimento Riformatori Liberali[1]. Dopo aver ripreso nel 2007 la tessera del PRI, diviene membro del Consiglio nazionale del partito e, dal 2011, anche della Direzione nazionale.

Nel 2011 è presidente di uno dei comitati per il no ai due referendum sui servizi pubblici e sulla tariffa del servizio idrico del 12 e 13 giugno 2011[2].

Il 13 luglio 2012, durante la sua trasmissione Nove in Punto, su Radio 24, ha lasciato intendere un suo impegno in politica in occasione delle elezioni politiche del 2013, all'interno di una formazione di ispirazione liberale[3].

Nel luglio 2012 ha promosso, assieme a Michele Boldrin e a circa 240 altri firmatari, cittadini italiani, accademici, manager, professionisti, imprenditori, esponenti della società civile e di associazioni culturali ed economiche, il movimento non ancora politico "Fermare il Declino" [4] attraverso un manifesto a pagamento uscito su più quotidiani italiani quali il Fatto Quotidiano, il Foglio, Il Sole 24 ORE, Il Messaggero, Il Mattino, Il Gazzettino, volto a raccogliere consensi di associazioni, movimenti e cittadini su dieci punti programmatici comuni ispirati al rinnovamento della classe politica e al risanamento economico attraverso la riduzione simultanea di tasse e spesa pubblica.[5]

Il 19 dicembre 2012 Giannino annuncia su YouTube attraverso un video messaggio che il movimento "Fermare il Declino" [6] diventa un partito politico denominato "Fare". Nel video appare anche il simbolo del nuovo partito che si presenterà alle regionali e alle politiche del 2013: un cerchio rosso all'interno del quale campeggia una freccia bianca che porta alla scritta "Fare"; sotto, scritto con caratteri più piccoli, la dizione "per Fermare il Declino". Il 2 gennaio 2013 annuncia la candidatura a Presidente del Consiglio dei Ministri a capo della lista Fare per Fermare il Declino.

Carriera politica tranciata dalle sue bugie su due lauree e master a Chicago Modifica

Giannino-Il-Giornale

Il Giornale denuncia le due lauree false dichiarate da Giannino!

Il 18 febbraio 2013, a pochi giorni dalle elezioni, l'economista Luigi Zingales, candidato con Giannino alle politiche, lascia la lista affermando che il giornalista avrebbe mentito sulle proprie credenziali accademiche. In particolare su un master che, secondo alcuni curricula diffusi sulla rete, in una sua dichiarazione a Repubblica.tv [7],in un comizio a Lucca,[8] il giornalista avrebbe conseguito alla Booth School of Business di Chicago, ma che non risulta effettivamente conseguito. Giannino ha confermato di non detenere il master, spiegando la vicenda come un equivoco.[9]

In seguito, il periodico Il Giornale, di proprietà di Paolo Berlusconi denuncia che sono false anche due delle tante lauree che Giannino dichiara di possedere: Economia e Giurisprudenza!

AUGURI INGANNINO PATACCA... BENVENUTO A BURLESQUE-WIKIA!

Attività giornalisticaModifica

Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 15 aprile 1992, lavora al mensile Liberal (organo dell'omonima fondazione creata da Ferdinando Adornato), e tre anni più tardi è vicedirettore della testata, che nel frattempo è diventata settimanale. Dal 1999 al 2004 è responsabile della pagina economica del Foglio. Lascia il quotidiano e si trasferisce a Il Riformista come vice del direttore Antonio Polito. Nel 2005 diventa vicedirettore di Finanza & Mercati e conduce il programma televisivo di approfondimento Batti e ribatti su RaiUno. Comincia anche una collaborazione con il quotidiano Libero, diretto da Vittorio Feltri, e il 3 maggio 2007 diventa direttore del suo allegato economico-finanziario LiberoMercato, che lascia nel febbraio 2009, soggetto a licenziamento disciplinare a causa di divergenze con l'editore[10][11].

Nell'aprile 2009 apre il blog Chicago-blog.it in collaborazione con l'Istituto Bruno Leoni, nel quale insieme ad altri collaboratori e giornalisti esamina le principali questioni politico-economiche dell'attualità; inoltre da fine giugno 2009 conduce una trasmissione su Radio 24 (emittente radiofonica de Il Sole 24 Ore) dal titolo Nove in punto, la versione di Oscar[12]. A seguito della sua attività politica a fine 2012, per motivi di opportunità e par condicio, la direzione di Radio24 affida la trasmissione "Nove in punto" a Simone Spetia, pur ribadendo che le porte rimangono aperte per Oscar Giannino qualore decidesse di tornare alla fine del periodo di campagna elettorale.

Attualmente è membro del comitato scientifico della Fondazione Italia USA, Senior Fellow dell'Istituto Bruno Leoni, editorialista per Panorama, Il Messaggero, Il Mattino, Il Gazzettino, RID, e co-direttore del mensile Capo Horn.

Oscar Giannino arti marziali

Avendo dichiarato il falso, per competenze che sarebbero essenziali ai suoi articoli giornalistici, Giannino diventa un soggetto per Burlesque-Wikia e altri siti satirici

Vita privataModifica

Dopo il giornalismo, l'attività cui dedica più tempo è quella dell'assistenza a malati terminali di cancro. Il giornalista torinese ha maturato sensibilità su questo tema essendo stato colpito anch'egli in passato da un grave tumore alla spina dorsale[13][14].

Nell'ottobre 2011 ha sposato a Roma con rito civile Margherita Brindisi ; la cerimonia è stata officiata dall'allora ministro per le politiche giovanili Giorgia Meloni[15].

LibriModifica

  • La politica estera della DC, Ed. della Voce, 1982
  • I repubblicani e l’altra Italia, Ed. Giustizia e Libertà, 1987
  • L’Europa delle culture, Ed. Liberal Libri, della Fondazione Liberal, 1996
  • La cultura della sicurezza in Italia a tre anni dall’11 settembre, nel volume Sicurezza: le nuove frontiere. Cultura, economia, politiche, tecnologie, Centro studi di geopolitica economica (a cura del), Milano, FrancoAngeli, 2005, ISBN 88-464-6269-6.
  • Contro le tasse. Perché abbattere le imposte si può, si deve, e non è affatto di destra, Milano, Mondadori, 2007, ISBN 9788804570080.
  • Prefazione in Michela Ravalico, Il rebus Marchionne, Libero ed., 2008
  • Prefazione in AA.VV., "Scenari sulla crisi dell’euro", IBL Libri, (2012) ISBN 978-88-6440-097-6 (ePUB) - ISBN 978-88-6440-098-3 (Kindle)

Note Modifica

  1. "Diamo un’anima libertaria al centrodestra", Riformatoriliberali.it, 14 ottobre 2006
  2. Vedi la composizione del Comitato AcqualiberAtutti.
  3. Italia Oggi, In aumento l'offerta di liberali
  4. [1]
  5. Oscar Giannino: «Uscire dalla crisi? Vendiamo i beni dello Stato. Ce n'è per 480 mld».
  6. www.fermareildeclino.it
  7. [2]
  8. [3]
  9. «Zingales_scarica_Giannino», ilGiornale.it.
  10. Vedi Oscar Giannino, "Il motivo di ciò che abbiamo fatto", LiberoMercato, 28 febbraio 2009, pagina 1.
  11. Vedi la dichiarazione di Oscar Giannino durante la puntata del 12 luglio 2010 di In onda, su LA7.
  12. Pagina di "Nove in punto, la versione di Oscar" sul sito di Radio 24.
  13. Il sito della trasmissione "Nove in punto, la versione di Oscar" che il giornalista conduce su radio 24. Grande amante degli animali, in particolar modo dei gatti, la sua trasmissione "Nove in punto, la versione di Oscar" ha nella sigla un gatto che miagola
  14. Giannino: il mio Natale laico .
  15. Il servizio del settimanale "Oggi" sul matrimonio del giornalista

Voci correlate Modifica

Altri progetti Modifica

Collegamenti esterniModifica

Video con Oscar Giannino Modifica

Ballarò 07.0614:32

Ballarò 07.06.2011 Angelo Bonelli vs Oscar Giannino

Oscar Giannino scatenato03:05

Oscar Giannino scatenato. Goldman Sachs, Grecia e mercatismo

Nuovi partiti, Oscar Giannino "Ecco il Fare, piccola pattuglia di rompicoglioni" (21 12 2012)02:05

Nuovi partiti, Oscar Giannino "Ecco il Fare, piccola pattuglia di rompicoglioni" (21 12 2012)

"Nucleare sicuro, è la prova del nove", parola di Oscar Giannino (15 03 2011)15:01

"Nucleare sicuro, è la prova del nove", parola di Oscar Giannino (15 03 2011)





Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.