FANDOM


Tiziano Popoli
File:Tizianopopoli.jpg
Nome e cognome
Nome d'arte
nazione Italia
genere Ambiente
secondo genere Colonne sonore
terzo genere Musica elettronica
Lingue
Paese d'origine

Tiziano Popoli (Modena, 28 ottobre 1955) è un compositore italiano.

BiografiaModifica

Ha conseguito il diploma in pianoforte e in “teoria ed utilizzo delle apparecchiature elettroniche in musica” presso il Conservatorio di Bologna, dove ha seguito studi di composizione; si è laureato con lode con una tesi sulla vocalità nella musica elettronica di Bruno Maderna. Nel 1984 partecipa al Concorso Internazionale di musica elettroacustica "Luigi Russolo" di Varese e si aggiudica una menzione d'onore con il brano "Musique de chambre"[1]. Dopo gli studi si dedica principalmente alla composizione e alla sperimentazione sonora. Il suo lavoro creativo può essere collocato nella scia del minimalismo, un minimalismo interpretato in chiave per così dire popolare, come luogo in cui sperimentare incroci di generi ed esperimenti stilistici, con una attenzione costante per l’invenzione melodica. Il suo approccio nei confronti del suono e della musica prescinde da categorie di genere: adolescente all’epoca di Led Zeppelin, da sempre si interessa alla musica colta come a quella “extracolta”, con una particolare predilezione per la musica popolare tradizionale, e si è dedicato sia alla composizione di musica assoluta che di musica funzionale. Ha composto musiche per pianoforte, violino e pianoforte, quartetto d'archi e varie formazioni cameristiche, orchestra sinfonica, campionatore e orchestra, arpa e live electronics, settimino di ocarine, voce e settimino di ocarine, coro di voci femminili. È attivo nel campo del sound design e della post-produzione audio; sensibile alle tematiche di Raymond Murray Schafer sul paesaggio sonoro e sull'ecologia acustica, da tempo si occupa di field recordings, di documentazione sonora del territorio e di installazioni sonore site-specific[2].

Insegna Informatica Musicale presso l’Istituto Musicale Vivaldi di Bolzano e tiene con regolarità workshop e masterclass presso festival, corsi di formazione, conservatori e università.

Fa parte di TinnitusLab, gruppo bolzanino che si dedica alla progettazione e alla realizzazione di installazioni site-specific, di sistemi video-sonori interattivi e di prototipi software-hardware di dispositivi per il trattamento del suono in tempo reale.

È direttore artistico di Rimusicazioni Film Festival di Bolzano[3].

Lavori recentiModifica

2008Modifica

2009Modifica

2010Modifica

2011Modifica

OpereModifica

Discografia principale e gruppiModifica

Nel 1988, in compagnia di Marco Dalpane, ha dato vita al Popoli-Dalpane Ensemble col quale ha pubblicato due CD nella seconda metà degli anni 80: Lezioni di anatomia e Serenate (Stile Libero/Virgin Italia); recentemente l’ensemble si è riunito per la registrazione del CD Enologie, remake di canzoni di Brian Eno (Stile Libero 2008). Nel 1990, assieme a Massimo Simonini, forma il gruppo N.O.R.M.A. col quale ha sinora pubblicato due CD: N.O.R.M.A. (Caicai) e L'arpa e l'asino (ReR). Con queste formazioni ha partecipato a festivals e rassegne suonando, tra l’altro, a Bologna, Roma, Salonicco, Belgrado, Novi Sad, Berlino, Rotterdam, Amsterdam e Londra. In collaborazione con Vincenzo Vasi ha pubblicato il CD The man with a movie camera, colonna sonora per l’omonimo film di Dziga Vertov[5]; da solo il CD A proposito di Nizza[6]. Si è inoltre occupato di improvvisazione radicale con Gianni Gebbia e Massimo Simonini (All’improvviso), con Francesco Cusa e Lino Costa (Caos Parziale) e anche in solo. Nelle improvvisazioni gli piace usare campionamenti ed elettronica vintage.

DanzaModifica

Per il coreografo napoletano residente a Parigi Paco Decina ha composto le musiche per la creazione Vestigia di un corpo (Rovereto, Festival Oriente Occidente, 1991); per la marsigliese Odile Cazes ha scritto le musiche per Salutation d'un ami lointain (Marsiglia, 1992), Memoire des lombes (Tolone, 1995), Sextuor (Marsiglia, 1997), Et puis apres (Aix En Provence, 1998), Et maintenant (Marsiglia, 2000). A Bolzano ha collaborato con il gruppo Bricabrac diretto da Giuliana Lanzavecchia (Orlando Furioso, Bolzano, 2008). Nell'ambito delle celebrazioni leopardiane e su commissione del Centro Regionale Danza (Aterballetto) e del Teatro di Iesi, ha composto una suite per campionatore e orchestra per la coreografia Fuga naturale di Orazio Caiti ispirato all’opera di Giacomo Leopadi (2000); sempre per Orazio Caiti e per il corpo di ballo di Aterballetto ha creato le musiche per Lontanemete, ispirato a La linea d'ombra di Joseph Conrad (2002).

Cinema e videoModifica

Ha composto le musiche per il film Nella mischia di Gianni Zanasi (Festival di Cannes, sezione Quinzaine, 1995), per Petites Historias Das Criancas di Gabriele Salvatores, Fabio Scamoni e Guido Lazzarini[7] (Festival di Locarno, 2008) e per molti film muti tra cui La passione di Jeanne D'arc (commissione del Comune di Bologna per l’anniversario della Strage di Bologna), Haxan, Nosferatu il vampiro, A proposito di Nizza, Il tamburino dell’VIII reggimento e Ottobre. Le musiche composte per Man with the movie camera di Dziga Vertov, in collaborazione con Vincenzo Vasi, hanno vinto il concorso Rimusicazioni (Bolzano, 1999). Ha poi rimusicato il documentario Mit dem Motorrad über die Wolken, a cura del Centro Audiovisivi di Bolzano, di recente inserito da Giunti Editore all’interno della Guida ai luoghi del cinema in Alto Adige; sempre per il CAB e in collaborazione con l'orchestra dell'Istituto Vivaldi ha realizzato la colonna sonora di un altro fim del periodo del muto: Blind Hausbands di Erich von Stroheim. Per il Festival Rimusicazioni ha curato la composizione delle musiche per il film Menschen am Sonntag, di recente edito su DVD. Per la regista bolognese Enza Negroni (autrice di Jack Frusciante è uscito dal gruppo) ha scritto le musiche per il documentario Adottando a Tuzla; per Le acque dell'anima sullo scrittore svedese Bjorn Larsson (52’, documentario prodotto da Movie Movie per RAI Educational); per il video che descrive la ristrutturazione del MAMBO (Museo di Arte Moderna di Bologna) e del Museo delle vittime della strage di Ustica. Per la società di produzione Ethnos ha realizzato le musiche per una serie di documentari a sfondo sociale, per il regista Luciano Stoffella le musiche per il documentario Claudia de Medici, produzione CAB Bolzano, per il regista Andreas Perugini la colonna sonora per tre video sui prodotti di eccellenza del Sudtirolo (I.C.E. 2008). Ha inoltre creato le musiche per il mediometraggio Lezioni di mare prodotto dall'Area Marina Protetta del Plemmirio di Siracusa in collaborazione con l'UNICEF e con la partecipazione di Enzo Maiorca e Leo Gullotta.

TeatroModifica

Per anni ha seguito una specie di doppio binario, avendo la possibilità di lavorare sia in situazioni di ricerca che in circuiti più ufficiali e popolari: la collaborazione con Koinè da un lato e quella con Arturo Brachetti dall'altro sono un esempio. Con Koinè partecipa ad Audiobox, festival di sperimentazione radiofonica (Matera); partecipa inoltre all'operina 760 il canto dei conti, ispirato all'omonimo modello di denuncia dei redditi e Lettere da Puchberg, oratorio sul filosofo Ludwig Wittgenstein, alla saga della Festa delle Acque sul lago di Piediluco (Terni), alla performance Dove gli angeli esitano per Greenpeace e il recente ciclo di spettacoli itineranti L'agricoltore e l'architetto, commissionato dalla regione Lombardia. Grazie alla collaborazione con Arturo Brachetti ha vissuto dalla fine degli anni ottanta sino al 1995 circa nello stralunato e bizzarro mondo delle compagnie teatrali di giro: ha scritto le musiche per diversi spettacoli che lo vedevano protagonista e/o regista (tra cui Madame Butterfly con Ugo Tognazzi e I Corti di e con Aldo, Giovanni e Giacomo) e l'ha seguito, in qualità di musicista di scena, in lunghe tournée e in tante apparizioni televisive in Italia, Francia, Germania, Belgio, Inghilterra, Spagna, Canada e Giappone. Con Giorgio Gaber ha collaborato come musicista di scena per lo spettacolo Il grigio.

Site_specific e soundscapesModifica

Si segnalano le musiche bandistiche per l'inaugurazione della cassa di espansione sul fiume Secchia, la performance all'interno di una grotta dei Sassi di Matera – per l'occasione allagata - con il poeta Corrado Costa (commissione Rai Audiobox per il Festival internazionale di sperimentazione sonora Audiobox), la messa in scena e in suono dell'Harmonices Mundi di Keplero e il ciclo di degustazioni teatralizzate Sapori sotto assedio (2004), ideato in collaborazione con il gruppo teatrale Koinè e rappresentato all'Arsenale di Venezia, Forte Carpenedo e Forte Bazzera a Venezia Mestre, al Museo Archeologico Nazionale di Altino, Rocca dei Tempesta a Noale, nel centro storico di Chioggia e Piazza Vecchia a Mira; ove possibile sono state utilizzate le casematte e i fortini della cintura di fortificazioni austriache a difesa di Venezia come luoghi di rappresentazione teatral-musicale. Si occupa di registrazioni ambientali e ha curato la documentazione sistematica dei territori soggetti a tutela ambientale della Provincia di Modena, pubblicando la collana di cinque CD Naturalmentesonori; in collaborazione con Mauro Franceschi ha ideato e realizzato la sonorizzazione del Museo delle Tracce di Maso Spilzi a Folgaria (Trento)[8]; per la città di Bolzano e l’associazione culturale Harlock ha curato un progetto di documentazione sonora dell'area urbana pubblicando i CD Bolzano, Documentari Sonori vol. 1 e 2 e per la città di Modena il CD Suoni della città di Modena.

VarieModifica

Su commissione di RadioRai Audiobox ha elaborato il radiodramma Il mistero dei tre su testi di Chris Cutler[9] tradotti da Umberto Fiori; su commissione del Comitato per Bologna 2000, città europea della cultura ha composto le musiche per i fuochi d'artificio che hanno inaugurato le manifestazioni; su commissione del Quartetto Borciani ha composto il quartetto d'archi La nave dei folli, successivamente pubblicato su CD (Newtone) e, su commissione del AngelicA - festival internazionale di musica, il brano L'Indifferenza per orchestra sinfonica e l'assolo elettronico Spiritus – di:vento:s:u:ono, basato su suoni di vento elaborati in tempo reale.

CollaborazioniModifica

NoteModifica

  1. Concorso_Int"Luigi_Russolo"
  2. Opera Nr. 3
  3. 4ff - Film Festival. Bolzano 17/25 Ottobre 2008
  4. 4,0 4,1 Ares Film & Media Festival di Siracusa
  5. The man with the movie camera
  6. Blue Movie
  7. 7,0 7,1 7,2 7,3 "Petites historias das criancas" di Gabriele Salvatores, Fabio Scamoni, Guido Lazzarini - NSC - NonSoloCinema
  8. bit.html
  9. 9,0 9,1 http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-542f0fa9-df9e-4cd8-a7ae-32fd1e239573.html
  10. 10,0 10,1 10,2 Shellvibes
  11. Zorzanello
  12. altri progetti
  13. 13,0 13,1 Arturo Brachetti, Arturo Live!
  14. Aldo-Giovanni E Giacomo I Corti
  15. TEATRI DI VITA - Musica
  16. Antonio Canova. L'invenzione della bellezza (2010)
  17. http://www.asiaticafilmmediale.it/it_schedafilm_view.php?id_config=1&id_scheda=60

Collegamenti esterniModifica

FontiModifica



Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale